Oh care mamme… sono reduce da un week end meraviglioso e nonostante siano passate quasi due settimane ne sto traendo ancora beneficio. Ho vissuto tre giorni di pura spensieratezza, tre giorni sola con mio marito.

Tutto è iniziato a fine agosto dopo il mio compleanno, quando mio marito mi ha fatto la proposta: mi avrebbe regalato un week end a Parigi.

Potete immaginare il vortice di emozioni e pensieri… bello ma…. e i bambini? Sì però, vuoi mettere tre giorni di libertà? E le ragazze? Loro saranno sicuramente serene, ma i piccoli? Rimarranno traumatizzati? E soprattutto: a chi lasciamo tutta la banda per tre giorni e  due notti? Però che idea meravigliosa, soli soli noi due….come una volta…tanto tempo fa…

Infatti….

C’ERA UNA VOLTA

C’era una volta una ragazza che aveva iniziato una storia  con un ragazzo che viveva a Londra. Così la ragazza, appena poteva, prendeva un aereo e lo raggiungeva in Inghilterra. I due passavano meravigliosi week end spensierati in giro per la città tra parchi, pub, mercatini, così a zonzo, senza alcuna preoccupazione se non quella di prenotare al più presto il prossimo volo aereo. Un giorno il ragazzo è tornato a vivere in Italia, c’è stata una bella convivenza e un bellissimo matrimonio.

Poi sono arrivati quattro angioletti. La famiglia, mica tanto lentamente, si è allargata, i piccoli hanno riempito la vita di felicità e di tanto tanto lavoro. I due ragazzi si sono trasformati in due genitori fieri e decisamente soddisfatti di come sono andate le cose.

TANTO TEMPO FA….

Ma a voi non capita mai di fermarvi e di pensare come era la vostra coppia prima dei figli? Ve lo ricordate? Quando eravate da soli, senza alcuna responsabilità se non quella di stare bene insieme? Quelle serate a mangiare sul divano guardando serie tv, o week end all’insegna del cazzeggio più totale?

Io, se ci penso, riguardo con tenerezza a quei due ragazzi, li vorrei abbracciare forte e dire loro “Fate bene divertirvi ora perché non sapete che cosa vi aspetta!”

CI VOLEVA PROPRIO

Ma tornando al nostro week end spensierato… diciamo che arrivavamo da giorni intensi: mio marito super preso al lavoro, io come al solito mille corse tra scuola, casa, bimbi e la novità dei carissimi dentini, che, a quasi 11 mesi, hanno deciso di spuntare come funghi tutti insieme, tradotto: notti in bianco.

Prima di partire dicevo che non vedevo l’ora di andare a Parigi per poter dormire!

Fatto sta che, ovviamente grazie alle nostre famiglie, siamo riusciti ad organizzare tutto e tutti. Per Anna e Alice il week end è stato pieno di eventi, tra feste di compleanno, piscina e pigiama party da nonni e  zia, mentre i piccolini sono stati una notte dai miei e poi sono tornati a casa nostra.

E i genitori? Per due giorni abbiamo messo in standby i nostri ruoli di mamma e papà e ci siamo concentrati su di noi. Il week end è stato proprio come me lo immaginavo: spensierato, rilassante e rigenerante. (Ma indovinate un po’ di che cosa abbiamo parlato per l’80% del nostro tempo??)

Spesso mi capita di sentire di genitori che, pur potendo, non riescono a ritagliarsi del tempo per loro. Un po’ perchè si fa fatica ad organizzarsi, un po’ perchè si teme di fare dei torti ai figli lasciandoli soli, ma io credo fermamente che alla base della famiglia ci debba essere il rapporto tra la mamma e il papà e che questo, per essere mantenuto solido vada alimentato da tempo di qualità passato insieme.

Sapete che ci sono dei giorni in cui le uniche frasi che io e mio marito riusciamo a  scambiarci sono cose del tipo “Hai svegliato le bimbe?” “Ci vediamo questa sera!” “E’ pronto il latte per questa notte?” e cose su questo stile…

Allora ben vengano gli aperitivi in solitudine, le uscite con gli amici senza bimbi, i nonni e gli zii che si offrono per un babysitteraggio: noi prendiamo tutto!

E voi mamme? Riuscite a d avere dei momenti spensierati senza figli?

 

 

Seguimi sui social:

Sharing is caring!