Come sorella gemella, ho sempre desiderato poter diventare mamma di gemelli perché so quanto bello sia essere fratelli gemelli. D’altra parte ho anche sempre ingenuamente pensato che questa fortuna, perché per me di pura fortuna si tratta,  non mi sarebbe mai capitata perché mi è sempre stato detto che si “salta la generazione”, anche se io sono la prova vivente che questa regola sia una delle tante leggende metropolitane che si raccontano sull’argomento. Ma perchè tutta questa voglia di gemelli? Qual’è la magia, quali sono i vantaggi di essere un fratello gemello?

COSA VUOL DIRE AVERE UN FRATELLO GEMELLO?

Io e Francy a Belluno

So per esperienza personale che avere un fratello o una sorella è dono speciale che la vita ci fa, ma avere un fratello gemello è qualcosa di unico.

Così prima di iniziare a raccontare la mia vita come mamma di gemelli voglio provare raccontarvi cosa vuol dire per me essere fratelli gemelli. Non sarà facile spiegarlo a parole e sicuramente la cosa risulterà molto riduttiva se non banale ma ci voglio comunque provare.

Mi è capitato di incontrare super mamme in attesa o con bimbi molto piccoli spaventatissime per il compito che le aspettava. A loro in particolare vorrei dire che quello che stanno facendo è qualcosa di straordinario e unico. Che sì, d’accordo può essere dura ma che stanno regalando ai loro piccoli un’esperienza assolutamente singolare.

Innanzitutto avere un gemello vuole dire non essere mai solo. Avete idea di che cosa voglia dire avere sempre a disposizione un compagno di giochi? Dai racconti di mia madre di quando io e mio fratello Francy eravamo piccoli, la cosa che più mi affascinava era sentire di come pur senza essere in grado di parlare riuscissimo a comunicare a capirci. Una cosa straordinaria!

I FRATELLI GEMELLI CONDIVIDONO TUTTO

Abbiamo condiviso tutto: genitori, casa, giochi e scuola, perché fino alle medie siamo stati nella stessa classe. Per la gioia di mia madre, per complicare un po’ la gestione del nostro tempo extrascolastico, abbiamo avuto passioni sportive diverse. Ma ecco direi che almeno fino ai 13 anni abbiamo condiviso la maggior parte del nostro tempo.

Io e Francy – vacanza in barcavela

E poi avere un gemello vuole dire avere un complice: quante ne abbiamo combinate insieme… e questo dalle marachelle da bambini ai complotti adolescenziali. Sapevamo sempre che avremmo condiviso anche le sgridate e per noi valeva comunque il detto mal “comune mezzo gaudio”.

Gemello vuole dire avere un confidente, un complice, sempre lì a disposizione. Abbiamo entrambi sempre avuto molti amici ma nessuno più di chi ti ha visto crescere tutti i giorni della tua vita può conoscerti meglio? Può aiutarti nel momento del bisogno?

Tra i due io sono sempre stata quello che viene definito il fratello gemello dominante. Con molta ironia, (lo voglio sperare) gli amici mi dicono che mio fratello è dovuto “scappare” in un altro paese per trovare un po’ di pace! Sarà così? Fatto sta che uno dei ricordi più preziosi che ho risale a quando sono stata a trovarlo in Erasmus a Madrid. E’ venuto a prendermi in aeroporto e mi ha detto: “Qui sto benissimo ho tutto quello che mi serve mi diverto tantissimo ma l’unica cosa che mi manca sei tu”.

E LE GELOSIE TRA FRATELLI GEMELLI?

Noi 2 in montagna

Vi starete chiedendo quale sia il risvolto della medaglia… d’accordo c’è un rapporto speciale unico e bla bla bla ma che dire della gelosia? Della rivalità tra fratelli? Della ricerca di attenzione che un figlio non-unico prova nella vita? I continui confronti? La proprietà privata?

Beh non posso certo dire che tutti questi aspetti non siano ininfluenti ma sicuramente è tutto più naturale: il fratello in questione non è comparso così all’improvviso interferendo con equilibri già esistenti. Si è sempre stati in due, la mamma è normale che non sia esclusiva di nessuno, i giochi è normale che si condividano e il confronto con il “collega” diventa praticamente inevitabile. Credo che stia nel buon senso e nella sensibilità di genitori, nonni, insegnati eccetera renderlo normale e accettabile nella vita dei gemelli.

Sono anche certa che esitano gemelli non particolarmente affiatati. Nella mia vita ne ho incontrate solo una coppia, lo ricordo perchè la cosa mi ha stupita…pensavo ma com’è possibile? Sicuramente esistono ma voglio pensare che siano eccezioni, mi sembra una cosa così triste, come avere una grande occasione nella vita e non sfruttarla pienamente…ma è solo il mio punto di vista.

MAMME DI GEMELLI NON ABBIATE PAURA

Nel frattempo posso dire che non so dove sarei senza mio fratello e so per certo che anche per lui è la stessa cosa. Negli ultimi anni la vita, il lavoro e le rispettive famiglie ci hanno allontanato fisicamente ma entrambi sappiamo che il rapporto tra di noi è qualcosa di incomparabile.

Quindi mamme e future mamme di gemelli sappiate che state davvero facendo qualcosa di straordinario; sarà dura, è innegabile, ma la complicità a cui avrete dato vita vi ripagherà di tutte le vostre fatiche….. ne vedrete delle belle!

Io e Francy – in attesa di Anna e Alice

Seguimi sui social:

Sharing is caring!